Analysis of Leonardo’s Fables led through the study of sources, and the examination of the structure and the themes. Leonardo’s fragments are re-elaborations of the Aesopic fable and of texts belonging to other traditions, including Pliny’s Naturalis Historia, ancient bestiaries and Burchiello’s sonnets. The analysis aims to show the innovations introduced by Leonardo with regards to the selection and characterisation of subjects in his fables. Eventually, it identifies two primary types, probably connected to two different moments of writing, and Leonardo’s main interest in the representation of Nature, which materializes gradually thanks to the reiteration of subjects and terms.

Sono analizzate le Favole di Leonardo attraverso il confronto con le fonti e l’esame della struttura e dei temi. L’articolo mostra come i frammenti leonardiani siano la rielaborazione della tradizione favolistica antica e di testi pertinenti ad altre tradizioni, quali la Naturalis Historia di Plinio, gli antichi bestiari e i sonetti del Burchiello. L’intento è di illustrare le innovazioni introdotte da Leonardo a livello della selezione e della caratterizzazione dei personaggi, e della strutturazione del racconto. Si sono inoltre identificati due schemi principali, probabilmente connessi a due momenti diversi di scrittura, e il tema della raccolta nella rappresentazione della Natura, che emerge gradualmente attraverso il reiterarsi di motivi e termini lessicali.

Cirnigliaro, G. (2013). Le Favole di Leonardo da Vinci. Struttura e temi. RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, XXXI(2), 23-43.

Le Favole di Leonardo da Vinci. Struttura e temi

Giuditta Cirnigliaro
2013

Abstract

Sono analizzate le Favole di Leonardo attraverso il confronto con le fonti e l’esame della struttura e dei temi. L’articolo mostra come i frammenti leonardiani siano la rielaborazione della tradizione favolistica antica e di testi pertinenti ad altre tradizioni, quali la Naturalis Historia di Plinio, gli antichi bestiari e i sonetti del Burchiello. L’intento è di illustrare le innovazioni introdotte da Leonardo a livello della selezione e della caratterizzazione dei personaggi, e della strutturazione del racconto. Si sono inoltre identificati due schemi principali, probabilmente connessi a due momenti diversi di scrittura, e il tema della raccolta nella rappresentazione della Natura, che emerge gradualmente attraverso il reiterarsi di motivi e termini lessicali.
Analysis of Leonardo’s Fables led through the study of sources, and the examination of the structure and the themes. Leonardo’s fragments are re-elaborations of the Aesopic fable and of texts belonging to other traditions, including Pliny’s Naturalis Historia, ancient bestiaries and Burchiello’s sonnets. The analysis aims to show the innovations introduced by Leonardo with regards to the selection and characterisation of subjects in his fables. Eventually, it identifies two primary types, probably connected to two different moments of writing, and Leonardo’s main interest in the representation of Nature, which materializes gradually thanks to the reiteration of subjects and terms.
Cirnigliaro, G. (2013). Le Favole di Leonardo da Vinci. Struttura e temi. RIVISTA DI LETTERATURA ITALIANA, XXXI(2), 23-43.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/358924
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact