Editoriale. Memoria e bellezza per educare alla cittadinanza