Musica e storia tra totalitarismi, ricostruzione e società dei consumi