Tra identità e alterità: la parola poetica di Philippe Jaccottet e il paradosso del traduttore trasparente