«A te l’estremo addio»? Il problema dell’ultima attestazione nella linguistica e nella lessicografia italiana