Ma lo storico non deve modellare alcunché A proposito di un’intervista a Donald Bloxham (e del suo ultimo libro)