Intimità tecnologica e soggettività mediale. Una lettura di "Lei"