«Ma tu di viso sei stupenda»: erotismo, corpi non conformi e femminismo pubblico