La sinestesia nella critica musicale del Novecento: il caso Vigolo