Il “Capriccio o Studio” in Do maggiore per fortepiano di Luigi Cherubini: un capolavoro o un esperimento accantonato?