Su alcuni antecedenti delle composizioni speculative di Johann Sebastian Bach