L'arte come la scienza intuitiva. Attività, essenza, eternità fra Spinoza e Proust