Lo “scudo penale” dell’Ilva tra qualificazione giuridica e diritti fondamentali