This paper aims at investigating the reception of Ferdinand de Saussure’s definition of linguistic sign in Italy after the publication of the Cours de linguistique générale. On this matter, Mario Lucidi and Walter Belardi have played a prominent role in the dissemination and criticism of the theory proposed by Saussure, which heated a lively debate among scholars. Indeed, according to their mentor Antonino Pagliaro’s teachings, Lucidi and Belardi have revisited the Saussurean sign and provided a new definition of linguistic sign as “utterance-sign”. Therefore, the paper deals with the relationship between Saussure’s work and the theory developed by Lucidi and Belardi.

L’articolo si propone di indagare la ricezione della nozione di segno di Ferdinand de Saussure in Italia in séguito alla pubblicazione del Cours de linguistique générale. All’interno di questa prospettiva Mario Lucidi e Walter Belardi ebbero un ruolo pioneristico nella diffusione e nell’esegesi della teoresi di Saussure, oggetto di studio privilegiato nella storiografia linguistica. Lucidi e Belardi reinterpretarono, infatti, il signe saussuriano come “segno-frase” alla luce degli insegnamenti del loro comune maestro Antonino Pagliaro. In ultima analisi, l’articolo prende in esame la relazione fra l’opera di Saussure e la teoria sviluppata da Lucidi e Belardi.

Gentile, S. (2020). La questione del signe saussuriano nella Scuola linguistica romana. BOLLETTINO DI ITALIANISTICA, 1/2, 212-225 [10.7367/99504].

La questione del signe saussuriano nella Scuola linguistica romana

Simone Gentile
2020

Abstract

L’articolo si propone di indagare la ricezione della nozione di segno di Ferdinand de Saussure in Italia in séguito alla pubblicazione del Cours de linguistique générale. All’interno di questa prospettiva Mario Lucidi e Walter Belardi ebbero un ruolo pioneristico nella diffusione e nell’esegesi della teoresi di Saussure, oggetto di studio privilegiato nella storiografia linguistica. Lucidi e Belardi reinterpretarono, infatti, il signe saussuriano come “segno-frase” alla luce degli insegnamenti del loro comune maestro Antonino Pagliaro. In ultima analisi, l’articolo prende in esame la relazione fra l’opera di Saussure e la teoria sviluppata da Lucidi e Belardi.
This paper aims at investigating the reception of Ferdinand de Saussure’s definition of linguistic sign in Italy after the publication of the Cours de linguistique générale. On this matter, Mario Lucidi and Walter Belardi have played a prominent role in the dissemination and criticism of the theory proposed by Saussure, which heated a lively debate among scholars. Indeed, according to their mentor Antonino Pagliaro’s teachings, Lucidi and Belardi have revisited the Saussurean sign and provided a new definition of linguistic sign as “utterance-sign”. Therefore, the paper deals with the relationship between Saussure’s work and the theory developed by Lucidi and Belardi.
Gentile, S. (2020). La questione del signe saussuriano nella Scuola linguistica romana. BOLLETTINO DI ITALIANISTICA, 1/2, 212-225 [10.7367/99504].
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/379049
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact