Giovanni Galloni e la prospettiva comparatistica*