«SE PUR QUESTO SONETTO […] NON SIA SEMPLICE ALLEGORIA». A PROPOSITO DI RVF 238