Lo sviluppo linguistico: l’adolescenza “ricapitola” l’infanzia?