Il ruolo della costruzione di scenari nella spiegazione dei disturbi macrolinguistici della schizofrenia