Spergiuro, ingiuria e vendetta. Un confronto tra Fiammetta e Corbaccio