Le collaborazioni etero-organizzate al vaglio della suprema corte