Il modello sovietico: uno straordinario laboratorio?