Mário de Sá-Carneiro e l’impossibilità di rinunciare