La vulnerabilità come ‘ritorno del rimosso’ e la nuova domanda di senso durante la pandemia da Covid-19