La nuova Germania e il rischio "immobilismo"