Logiche medicalizzanti e inclusione. Una riflessione necessaria