«Ogni opera nuova reclama un insegnamento». Ungaretti, la televisione e i media