La cittadinanza globale ai tempi del Covid-19: riconoscere il destino comune nella fragilità della pandemia