La cognizione delle 4E: riforma, non rivoluzione