Schadenfreude, politica e social media. La gioia maligna verso i politici nella pandemia