Il concordato preventivo in continuità indiretta: la difficile praticabilità a tutela della conservazione dell’impresa, dell’occupazione e della massa creditoria