Due duchi per un delfino. Su "A Grave for a Dolphin" di Alberto Denti di Pirajno: un caso di studio pop-colonial