MakeRoma. Il suolo come archivio potenziale