Una sanzione da dieci libbre dʼoro al fisco imperiale in una nuova epigrafe funeraria da Iasos e una costituzione imperiale di Costanzo II