Della mancata presenza di un etnico in un libretto pucciniano