Editoriale. Qualche riflessione su pacifismo e valori inclusivi per questi tempi di guerra