Il "Pensiero meridiano" come limite