Bene comune, gaudium magnum. Sulla fortuna di un non-concetto