After Don Puglisi we can only say Convertiamoci. This is the central motif of Nino Fasullo's book on Don Pino, Il pastore di Brancaccio, murdered by the parish mafiosi. A paradoxical, impressive fact that says a lot about the state of health of Sicilian Christianity. Don Puglisi, a priest who had understood perfectly, and made of him, the new words of the Council, which urged me to take charge, as pastor, of the burning problems of the city, of the parish: the problems represented by the mafiosi. He spoke openly to the mafiosi, also to involve the parishioners. The mafiosi immediately understood that they were dealing with a new church. Which breaks with the past. Nino Fasullo highlights the importance of the last thirty years in the life of Pino Puglisi, the sixties, in which significant events took place, first of all the Second Vatican Council. still the massacre of Ciaculli, a district of Palermo near Brancaccio in which seven men of the forces of order died, from the explosion of a car full of TNT; in the neighboring village, Villabate, two other people lost their lives: too many dead for the same day, June 30, 1963. From that moment on, no one in Palermo can pretend not to know. This is Nino Fasullo's message: we can no longer say "convert" but only "let's convert" (p. 92).

Dopo don Puglisi si può dire solo Convertiamoci. Questo è il motivo centrale del libro di Nino Fasullo su don Pino, Il pastore di Brancaccio, assassinato dai mafiosi della parrocchia. Un fatto paradossale, impressionante che la dice lunga sullo stato di salute del cristianesimo siciliano. Don Puglisi, un prete che aveva compreso perfettamente, e fatte sue, le parole nuove del Concilio, che io spingevano a farsi carico, da pastore, dei problemi roventi della città, della parrocchia: i problemi rappresentati dai mafiosi. Parlò ai mafiosi apertamente, anche per coinvolgere i parrocchiani. I mafiosi compresero subito di avere a che fare con una chiesa nuova. Che rompe col passato. Nino Fasullo evidenzia l'importanza degli ultimi trent'anni nella vita di Pino Puglisi, gli anni sessanta, in cui sono accaduti eventi significativi, prima di tutto il Concilio Vaticano Il. E ancora la strage di Ciaculli, quartiere di Palermo vicino a Brancaccio nella quale morirono sette uomini delle forze dell'ordine, per l'esplosione di un'auto piena di tritolo; nel paese vicino, Villabate, persero la vita altre due persone: troppi morti per lo stesso giorno, il 30 giugno del 1963. Da quel momento nessuno a Palermo può far finta di non sapere. Questo è il messaggio di Nino Fasullo: non possiamo più dire "convertitevi" ma solo "convertiamoci" (p. 92).

Canta, C. (2021). Carmelina Chiara Canta, Dopo don Puglisi si può dire solo Convertiamoci............ Recensione a: Nino Fasullo, Il Pastore di Brancaccio. Don Puglisi, la chiesa e la mafia. SEGNO, Anno XLVII(4281429 - Agosto-Settembre 2021), 53-56.

Carmelina Chiara Canta, Dopo don Puglisi si può dire solo Convertiamoci............ Recensione a: Nino Fasullo, Il Pastore di Brancaccio. Don Puglisi, la chiesa e la mafia

CANTA, CARMELINA
2021-01-01

Abstract

Dopo don Puglisi si può dire solo Convertiamoci. Questo è il motivo centrale del libro di Nino Fasullo su don Pino, Il pastore di Brancaccio, assassinato dai mafiosi della parrocchia. Un fatto paradossale, impressionante che la dice lunga sullo stato di salute del cristianesimo siciliano. Don Puglisi, un prete che aveva compreso perfettamente, e fatte sue, le parole nuove del Concilio, che io spingevano a farsi carico, da pastore, dei problemi roventi della città, della parrocchia: i problemi rappresentati dai mafiosi. Parlò ai mafiosi apertamente, anche per coinvolgere i parrocchiani. I mafiosi compresero subito di avere a che fare con una chiesa nuova. Che rompe col passato. Nino Fasullo evidenzia l'importanza degli ultimi trent'anni nella vita di Pino Puglisi, gli anni sessanta, in cui sono accaduti eventi significativi, prima di tutto il Concilio Vaticano Il. E ancora la strage di Ciaculli, quartiere di Palermo vicino a Brancaccio nella quale morirono sette uomini delle forze dell'ordine, per l'esplosione di un'auto piena di tritolo; nel paese vicino, Villabate, persero la vita altre due persone: troppi morti per lo stesso giorno, il 30 giugno del 1963. Da quel momento nessuno a Palermo può far finta di non sapere. Questo è il messaggio di Nino Fasullo: non possiamo più dire "convertitevi" ma solo "convertiamoci" (p. 92).
After Don Puglisi we can only say Convertiamoci. This is the central motif of Nino Fasullo's book on Don Pino, Il pastore di Brancaccio, murdered by the parish mafiosi. A paradoxical, impressive fact that says a lot about the state of health of Sicilian Christianity. Don Puglisi, a priest who had understood perfectly, and made of him, the new words of the Council, which urged me to take charge, as pastor, of the burning problems of the city, of the parish: the problems represented by the mafiosi. He spoke openly to the mafiosi, also to involve the parishioners. The mafiosi immediately understood that they were dealing with a new church. Which breaks with the past. Nino Fasullo highlights the importance of the last thirty years in the life of Pino Puglisi, the sixties, in which significant events took place, first of all the Second Vatican Council. still the massacre of Ciaculli, a district of Palermo near Brancaccio in which seven men of the forces of order died, from the explosion of a car full of TNT; in the neighboring village, Villabate, two other people lost their lives: too many dead for the same day, June 30, 1963. From that moment on, no one in Palermo can pretend not to know. This is Nino Fasullo's message: we can no longer say "convert" but only "let's convert" (p. 92).
Canta, C. (2021). Carmelina Chiara Canta, Dopo don Puglisi si può dire solo Convertiamoci............ Recensione a: Nino Fasullo, Il Pastore di Brancaccio. Don Puglisi, la chiesa e la mafia. SEGNO, Anno XLVII(4281429 - Agosto-Settembre 2021), 53-56.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/424115
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact