Sulla variazione morfo-sintattica. A che punto è la linguistica?