L'incredulità di Tommaso (IO 20, 25-29):iconografia e cenni patristici