Il perdurante “grido di dolore” della Cassazione