“Ti guardo e ti fo mia”. Francesco De Sanctis e la storia della letteratura