La lenizione delle sorde a Roma tra diacronia e sincronia