Postmoderno, neobarocco. Un’ipotesi sul cinema contemporaneo