Mauro Marè: il “noeta” di Roma