Ogni disegno da noi analizzato è accompagnato da una scheda di presentazione, dal titolo “scheda dell’artista”. Immaginiamo che ogni bambino abbia creato uno spazio e un tempo di desiderio nel sentirsi un piccolo artista ispirato al tema dello sport, dietro richiesta dalla commmittenza per il concorso nazionale.Disegnando, ognuno di loro ha utilizzato l’arte dell’espressione, scegliendo materiali e dimensioni, uniti a quella che potremmo definire la ginnastica, lo sport della mano e delle dita, in contrapposizione alle teorie apocalittiche sulla digitalizzazione, che prevedono l’abbandono dell’uso della mano con lo sviluppo delle tecnologie.Solo due disegni, tra gli 89, sono il prodotto indiretto del digitale, nonostante il fatto che la maggior parte dei bambini già a 5 anni sappia utilizzare il computer e navigare in internet.In premessa all’analisi artistica e descrittiva di questi disegni – vedremo quali titoli, quali frasi, quali suggerimenti e imitazioni dalla storia dell’arte, hanno dato vita alle immagini e ai personaggi dello sport di ogni bambino – ma è bene procedere per gradi, tentando di rispondere, con gli strumenti della sociologia, alla domanda genetica che riguarda l’essere artista: artisti si nasce o si diventa?

GAMMAITONI MILENA (2006). Il genere, il ruolo, i materiali. In L’idea di Sport: tra agonismo e narcisismo (pp.11-23). Trieste : AcegasAps.

Il genere, il ruolo, i materiali

GAMMAITONI, MILENA
2006

Abstract

Ogni disegno da noi analizzato è accompagnato da una scheda di presentazione, dal titolo “scheda dell’artista”. Immaginiamo che ogni bambino abbia creato uno spazio e un tempo di desiderio nel sentirsi un piccolo artista ispirato al tema dello sport, dietro richiesta dalla commmittenza per il concorso nazionale.Disegnando, ognuno di loro ha utilizzato l’arte dell’espressione, scegliendo materiali e dimensioni, uniti a quella che potremmo definire la ginnastica, lo sport della mano e delle dita, in contrapposizione alle teorie apocalittiche sulla digitalizzazione, che prevedono l’abbandono dell’uso della mano con lo sviluppo delle tecnologie.Solo due disegni, tra gli 89, sono il prodotto indiretto del digitale, nonostante il fatto che la maggior parte dei bambini già a 5 anni sappia utilizzare il computer e navigare in internet.In premessa all’analisi artistica e descrittiva di questi disegni – vedremo quali titoli, quali frasi, quali suggerimenti e imitazioni dalla storia dell’arte, hanno dato vita alle immagini e ai personaggi dello sport di ogni bambino – ma è bene procedere per gradi, tentando di rispondere, con gli strumenti della sociologia, alla domanda genetica che riguarda l’essere artista: artisti si nasce o si diventa?
n.d.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/270886
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact