Lingua e dialetto a teatro: il caso Roma