«Notus et ignotus desunt»: Draconzio e i suoi (presunti) amici