Comprendere non è (sempre) automatico. Inferenze pragmatiche e architettura cognitiva