«Parole in libertà»: processi metaforici nel Folgore futurista